mercoledì 20 ottobre 2010





Sapore di sale




...ma non il solito sale!
Sale grosso, sale fino, sale qb...generalmente ci fermiamo qui! Mentre ne esistono centinaia al mondo, classificati per la loro provenienza o per la tecnica con cui vengo preparati.

Sali marini miscelati con spezie esotiche, erbe ed alghe, fiori e frutta allo scopo di creare abbinamenti piacevoli al gusto e alla decorazione dei nostri piatti. 

                      
Eccone una piccola selezione regalatami da Lori... 






Sale marino con la sola aggiunta di boccioli di rosa essiccati al sole, ideale per insaporire carpacci o pietanze a base di riso





SALE con alghe
Un mèlange di sale dell'atlantico e alghe della Bretagna. Al tradizionale sale dell'Atlantico, ricco di magnesio, è stato aggiunto un mèlange di preziose alghe fresche disidratate, piante marine tra le più ricche di minerali e di iodio.
Questo condimento sprigiona un intenso profumo di mare, esaltato dalla presenza di queste preziose alghe.
Ideale: per il pesce, crostacei, mitili, nelle zuppe e nel court-bouillon.



Sale con bacche di coriandolo rosa e agrumi indicato per  accompagnare i piatti della cucina esotica, non prevale sui sapori delle composizioni


Sale nero
 È un sale evaporato al sole delle Hawaii, isola di origine vulcanica. È combinato con carbone vegetale che gli conferisce il caratteristico colore nero vellutato.
Ideale per pesce e bistecche alla griglia, il sushi e sashimi.
Favorisce la digestione.      



Sale rosa dell'Himalaya
È un genere di salgemma formatosi alle pendici dell'Himalaya 200 milioni di anni fa, quando una porzione di oceano rimase intrappolata nel sottosuolo. Puro e di colore rosa, estratto a mano, gli vengono riconosciute numerose proprietà salutistiche. Il suo gusto equilibrato preserva gli aromi dei piatti che condisce. Dà sapore... senza salare.
Da usare come un comune sale da cucina o da tavola, per salare qualsiasi tipo di pietanza.




Possiamo sbizzarrirci e trasformare i fiocchi di sale del nostro barattolo aggiungendo fiori di lavanda essiccati, oppure pepe nero in grani e  paprika, spezie in genere...
e condire semplicemente un piatto di patate bollite con l'aggiunta di un filo d'olio extra vergine d'oliva. 
Provare per credere!!! 





6 commenti:

  1. splendidi!!! e che poi non li userei mai per non consumarli :-)

    RispondiElimina
  2. Ma brava! Anche con il semplice sale riesci a stupirmi!

    RispondiElimina
  3. Eccomiiii...e grazie!!!
    Grazie anche per questo post sui sali..me ne hanno regalati un po', tra cui quello nero e quello rosa dell' Himalaya, e altri due..uno rosso e uno che non ricordo....e già così i tuoi suggerimenti mi serviranno!!! il fatto è che io nel mio bloghino appena nato.... mica faccio le foto così belle come le tue!!!!Bellissimo blog..ora ti metto nel blogroll..così ti "tengo d'occhio"!!!

    RispondiElimina
  4. Ma che belli, sono troppo carini! Me li immagino in vecchi barattoli di vetro e messi in fila uno accanto all'altro!

    A presto,
    Sarah

    RispondiElimina
  5. sei veramente fantastica.....oltre al blog sono riuscita a vedere persino il sito!!
    certo se tu fossi venuta anche a berlino saresti perfetta
    bacio lori

    RispondiElimina
  6. oltre che belli sono davvero molto delicati, abbiamo provato a pestare in un mortaio una piccola manciatina del sale grosso dell'himalaya, diminuendone solo leggermente la consistenza. I granelli rendono appetitose anche le carni rosse, non alterando la delicatezza del sapore.

    Ieri sera tagliata di manzo superba!

    RispondiElimina

Il tuo commento motiva il mio lavoro, grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...